Come viene fatto il Valpolicella Ripasso

Vinificazione del Valpolicella

Vinificazione dell'Amarone

svinatura dell'Amarone

Tecnica del Ripasso

Invecchiamento del Valpolicella

 

 

Come viene fatto il Valpolicella Ripasso?

Il Valpolicella Ripasso DOC nasce dall’incontro tra i vini Valpolicella e Amarone.

1. Vinificazione del Valpolicella DOC

La prima fase di produzione del Ripasso comincia con la vinificazione del vino Valpolicella DOC che avviene durate le prime settimane di ottobre.
Quando la fermentazione finisce il neonato valpolicella viene conservato in contenitori di acciaio fino a febbraio.

2. Vinificazione dell’Amarone

La seconda fase di produzione consiste invece nella vinificazione dell’Amarone.
Le uve dell’Amarone vengono raccolte e messe ad appassire in fruttaio per almeno 3 mesi.
A dicembre/gennaio i grappoli appassiti vengono pigiati e lasciati a macerare per 30/35 giorni.

3. Svinatura

Arrivati al mese di febbraio, abbiamo da una parte il vino Valpolicella DOC che riposa nei contenitori d’acciaio, mentre dall’altra, l’Amarone a fine macerazione nei tini di fermentazione. Il Ripasso non esiste ancora, ma con la svinatura (separazione del vino dalle bucce) dell’Amarone la produzione comincia ad entrare nel vivo.
A questo punto, Valpolicella e Amarone sono pronti per incontrarsi e dare vita al Valpolicella Ripasso DOC.

4. La Tecnica del Ripasso

Il quarto step prevede l’impiego della famosa tecnica del ripasso, la quale da il nome al vino stesso.
Questa tecnica tradizionale consiste nell’aggiungere il Valpolicella DOC alle vinacce dell’Amarone che si trovano ancora all’interno dei tini di fermentazione nel Valpolicella a seguito della svinatura.
Le vinacce, intrise di Amarone in fermentazione, fanno partire una seconda fermentazione che aumenta il grado alcolico, mentre la nuova macerazione aggiunge struttura, polifenoli e ulteriori aromi al vino.

5. Invecchiamento del Valpolicella

Alla fine della quarta fase possiamo dire che è nato un nuovo Valpolicella Ripasso DOC.
Prima di essere venduto però, necessita di almeno un anno di affinamento il legno.
Dopo questo periodo il Ripasso può essere finalmente assaporato!